Noi scegliamo il cambiamento. E tu?

Vogliamo scelte coraggiose, visioni progressiste e una politica inclusiva. Non vogliamo altri quattro anni di immobilismo, un'altra legislatura persa. Ecco perché votiamo per il rinnovamento. Scegliamo programmi, non dogmi. Persone, non liste. Votiamo al di là dei partiti. Noi scegliamo il cambiamento. E tu?

Il prossimo ottobre, o sceglieremo il futuro o perderemo altri quattro anni. Le elezioni federali saranno decisive per la Svizzera di domani: un referendum tra progresso e immobilismo.

Noi ci impegniamo per una Svizzera che offra opportunità e che protegga le libertà di tutte e di tutti. Una Svizzera cosciente del fatto che il suo successo proviene dalla sua apertura. Una Svizzera che guardi ai tempi che cambiano con curiosità e non con paura. Una Svizzera che riconosca l'immigrazione come una risorsa. Una Svizzera capace di affrontare le sfide odierne in sinergia con i suoi vicini europei. Una Svizzera progressista, moderna, sociale, creativa e aperta.

Le sfide del nostro tempo possono essere affrontate solo insieme ad altri Paesi, in particolare per lottare contro i mutamenti climatici. Ci impegniamo per una Svizzera che guardi ai tempi che cambiano con creatività e coraggio. Una Svizzera che difenda i diritti fondamentali dei suoi cittadini, anche nel mondo digitale. Una Svizzera che tuteli le sue istituzioni democratiche. Una Svizzera che assicuri in modo sostenibile il futuro delle prossime generazioni. Una nazione fondata sulla volontà che permetta di realizzare l’ambizione di acquisirne la cittadinanza in tempi ragionevoli. Un Paese che sostenga le libertà individuali e le pari opportunità indipendentemente dal genere, dall’origine e dai modi di vita.

La Svizzera ha bisogno di movimento. Oggi governa l’immobilismo.

La legislatura in corso è una legislatura persa. Una coalizione del dissenso immobilizza la vita politica. Una polarizzazione sempre più marcata mina l'arte svizzera del compromesso. Il Consiglio nazionale si lega le mani, e le visioni progressiste e le soluzioni pragmatiche stanno sparendo.

Cambiare si può.

Vogliamo una svolta, scegliamo il cambiamento e voteremo per chi si impegna per il progresso. Promuoveremo una nuova cultura della cooperazione al di là delle logiche di partito. Voteremo in funzione di programmi e di principi - in modo indipendente e trasversale.

Formeremo una nuova maggioranza per una Svizzera delle opportunità. Il futuro è nelle nostre mani. Mancano solo poche voci progressiste in Parlamento per rendere la svolta possibile. E ce la faremo.

Ci impegniamo a costruire nuove maggioranze per la Svizzera di domani. Al di là delle nostre sporadiche divergenze, ci impegniamo a raggiungere obiettivi comuni, in modo trasparente e in un'azione orientata al compromesso.

La politica europea svizzera soffre di una mancanza di coraggio. In realtà, la Svizzera non dispone oggi di una politica europea degna di questo nome. Tuttavia, la nostra integrazione nel mercato interno europeo è essenziale. Ne dipendono il nostro benessere, i nostri posti di lavoro e il dinamismo del nostro settore della ricerca e dell'innovazione. Dobbiamo difendere e promuovere le libertà acquisite attraverso la cooperazione europea. Condividiamo con l'Europa una serie di valori comuni. Nell'impegno per la democrazia e la libertà, gli Stati europei sono i nostri naturali alleati in un mondo turbolento. 

Attualmente ci troviamo di fronte al più grande problema strutturale irrisolto del nostro paese: le nostre relazioni e gli accordi con l'Unione europea devono essere aggiornati. Ci impegniamo a garantire l'accesso al mercato e la certezza del diritto e consideriamo il progetto di accordo quadro istituzionale come condizione minima per raggiungere questi obiettivi. Auspichiamo quindi una firma di questo accordo in tempi rapidi. Siamo inoltre favorevoli a nuovi accordi di accesso al mercato, a una maggiore integrazione europea e a una partecipazione più attiva della Svizzera al processo decisionale a livello europeo. Vorremmo inoltre garantire la partecipazione della Svizzera ai programmi di ricerca dell'UE, al programma di formazione Erasmus+ e al programma europeo di sostegno alla cultura. Vogliamo rafforzare l'accesso al mercato globale attraverso nuovi accordi contrattuali e ci opponiamo al protezionismo. Tuttavia, nei nostri accordi economici, gli standard ambientali, sociali e fiscali devono essere chiaramente definiti.

Di fronte all'emergenza climatica, è essenziale agire sia a livello nazionale che internazionale. Purtroppo, la politica climatica svizzera è ora in fase di stallo. Se vogliamo offrire ai nostri figli e nipoti un mondo in cui anche loro possano vivere liberamente, le emissioni di gas a effetto serra devono essere significativamente ridotte. Questo sforzo deve iniziare in Svizzera. I modi migliori per raggiungere questo obiettivo sono il principio "chi inquina paga" e l'innovazione. Il principio "chi inquina paga" in modo che gli impatti climatici siano integrati nelle decisioni economiche; l'innovazione per sviluppare tecnologie pulite e renderle commerciabili e competitive.

La Svizzera deve disporre di un piano generale sul clima. Un clima sostenibile è possibile solo se le emissioni nette di CO2 sono ridotte a zero entro il 2050. La Svizzera deve porsi un obiettivo vincolante per raggiungere tale obiettivo senza compensazione all'estero, nonché obiettivi intermedi vincolanti. Nei settori dell'edilizia e della mobilità, e in particolare per il trasporto aereo, deve essere applicato il principio "chi inquina paga". Ciò richiede una tassa sul CO2 sui carburanti (compreso un aumento della tassa in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni) e il mobility pricing. 

La Svizzera deve promuovere la mobilità elettrica e realizzare le migliori infrastrutture in Europa (comprese più stazioni di ricarica). La Svizzera deve diventare un centro globale per l'innovazione sistemica, ossia la combinazione di diverse tecnologie nel campo dell'energia e della mobilità. La lotta contro il riscaldamento globale richiede anche un'azione su scala globale: oltre alle misure di politica interna, la Svizzera deve cooperare con l'Unione europea, uno dei principali attori della politica climatica internazionale. Per la Svizzera, buone relazioni con gli stati europei sono essenziali per l'attuazione di una politica climatica efficace. L'accordo sull'elettricità è quindi un prerequisito per il raggiungimento degli obiettivi della produzione di elettricità rinnovabile

Uno Stato basato sulle libertà garantisce l'opportunità di sviluppare le proprie scelte di vita. Difendiamo la libertà individuale, l'autodeterminazione e le pari opportunità, indipendentemente dal sesso, dall'orientamento sessuale o dallo stile di vita. L'attuale diritto di famiglia svizzero prescrive un modello familiare tradizionale: attraverso la tassazione congiunta delle coppie sposate, il sistema fiscale promuove un modello economico e valori che non corrispondono più alla realtà della vita e alla diversità degli stili di vita. I genitori attivi professionalmente e i genitori single sono troppo spesso discriminati. Non spetta allo stato favorire determinati stili di vita. Tutte le forme di relazioni consensuali e tutti i modelli famigliari, sposati o meno, dovrebbero essere resi possibili e messi su un piano di parità.

La conciliazione della vita professionale e famigliare deve essere migliorata, affinché l'uguaglianza possa essere realmente vissuta in una relazione. È arrivato il momento di attuare pienamente la parità di genere sancita dalla nostra Costituzione nella vita quotidiana e nella vita professionale. Il precetto costituzionale secondo cui la legge deve garantire l'uguaglianza giuridica e sostanziale deve essere applicato alla lettera. Uomini e donne hanno diritto a pari retribuzione per un lavoro di pari valore. Chiediamo l'apertura del matrimonio alle coppie dello stesso sesso - con tutti i diritti e gli obblighi connessi (compreso il diritto di adozione, l'accesso alla procreazione assistita, il ricongiungimento familiare e la naturalizzazione agevolata) - e la creazione di un regime di convivenza legale, aperto in modo non discriminatorio a tutte le coppie. Chiediamo un congedo genitoriale liberamente divisibile e la tassazione individuale delle coppie sposate.

La Svizzera è una democrazia moderna e deve garantire che tutti coloro che desiderano farne parte godano di buone condizioni di vita. Deve inoltre assicurare la possibilità di acquisire rapidamente la cittadinanza e di partecipare alla vita democratica. In linea di principio, chi ha il centro della propria vita in Svizzera dovrebbe  avere accesso ai diritti civici. Ci impegniamo a favore di una Svizzera dotata di una politica d'immigrazione liberale, in cui conta solo il merito, non l'origine. In linea di principio, le migrazioni dovrebbero essere sempre consentite e vietate solo in via eccezionale. Per le persone immigrate da paesi terzi (al di fuori dell'UE/AELS), dovremmo superare l'attuale modello di economia pianificata. La libera circolazione delle persone con gli stati membri dell'UE deve essere preservata. Per quanto riguarda la naturalizzazione, i periodi minimi di residenza nei comuni e nei cantoni devono essere aboliti. Il periodo di soggiorno in Svizzera necessario per la naturalizzazione dovrebbe essere ridotto. Una politica migratoria liberale deve anche mirare a migliorare la situazione delle persone rifugiate. Il primo passo in questa direzione, in collaborazione con i nostri vicini europei, dovrebbe essere la creazione di canali di immigrazione legale, ovvero la possibilità di cercare protezione in uno Stato europeo senza dover ricorrere a trafficanti e rischiando la propria vita.

In Svizzera, la politica digitale rimane nell'ombra. Finora la Svizzera ha reagito agli sviluppi tecnologici con ricette obsolete e isolate. È ora di cambiare. È necessaria una riflessione globale: quali sono le trasformazioni fondamentali in atto? Qual'è l'impatto delle tecnologie sul funzionamento della nostra società? E come vogliamo utilizzare e sviluppare queste tecnologie a vantaggio della società? Le tecnologie digitali non portano automaticamente ad una società più democratica e libera. Occorre una risposta politica. La Svizzera digitale di domani deve cogliere nuove opportunità ed evitare conseguenze negative. Dobbiamo approfittare di queste opportunità e non vietarle. Dovremmo cogliere l'occasione di questa trasformazione per ripensare alcuni punti: attraverso gli strumenti digitali, vogliamo coinvolgere più persone nel processo politico, ad esempio attraverso procedure di consultazione elettronica. Per garantire che le amministrazioni svizzere siano parte dell'avanguardia digitale sono necessari una strategia aperta, uno scambio tra le varie autorità e un quadro giuridico ad hoc. 

Anche l'innovazione digitale ha bisogno di un quadro giuridico migliore. Ciò comprende uno spazio per la libera sperimentazione, forti legami tra ricerca e industria, nonché un impegno nazionale e internazionale per un Internet che promuove l'innovazione, compresa la garanzia legale della neutralità del web e l'eliminazione delle barriere di accesso. 

La digitalizzazione può anche portare ad abusi di potenza e alla concentrazione di potenza. È proprio per questo motivo che le forze progressiste devono difendere la protezione dei dati personali e dei diritti digitali fondamentali.
 

La concentrazione del potere è sempre un problema, sia a livello politico che aziendale. Un'eccessiva concentrazione di potere contravviene al principio fondamentale della libertà economica e alla nostra concezione democratica e costituzionale dello Stato. Minaccia anche la stabilità dell'intero sistema economico. Recentemente, la globalizzazione ha portato ad una concentrazione di potere molto alta tra poche società operanti a livello globale. L'esempio più recente è rappresentato dalle tendenze monopolistiche nel settore digitale. Sosteniamo l'idea di un'economia globale aperta. Tuttavia, la regolamentazione dovrebbe garantire e sostenere l'efficienza e la stabilità del mercato. A tal fine, occorre rafforzare il diritto della concorrenza e approfondire la cooperazione internazionale, rafforzando la regolamentazione della concorrenza e promuovendo attivamente l'armonizzazione della regolamentazione globale attraverso trattati internazionali, anche nel settore fiscale. Il diritto della concorrenza deve essere adattato all'era dell'economia delle piattaforme. La concentrazione delle quote di mercato delle grandi piattaforme deve essere limitata. Il divieto di cartello imposto alle imprese dominanti dovrebbe essere esteso alle imprese "relativamente forti" e dovrebbe essere applicato un divieto di blocco geografico nel commercio elettronico.

I progressi scientifici e sociali ci hanno permesso di vivere più a lungo e più liberamente. Tuttavia, la politica ha difficoltà ad adattarsi a questi sviluppi positivi. Ci mancano la creatività e la lucidità dei padri fondatori del nostro sistema di previdenza sociale. La riforma di questo sistema sarà una delle principali sfide della prossima legislatura. Le assicurazioni sociali devono essere garantite in modo permanente, sia in termini di finanziamento che di portata dei servizi. Dobbiamo garantire che i sistemi di sicurezza sociale siano lungimiranti ed equi per le generazioni future: né la flessibilità, né l'innalzamento dell'età pensionabile, né l'aumento dei contributi dovrebbero essere argomenti tabù. Ci impegniamo ad adeguare gradualmente l'età media di pensionamento in base all'aspettativa di vita, tenendo conto delle difficoltà del lavoro e della salute personale. A livello famigliare, una maggiore flessibilità sul posto di lavoro contribuirà anche a rafforzare il patto intergenerazionale - attraverso orari di lavoro giornalieri flessibili, lavoro a tempo parziale, modelli di orario di lavoro annualizzato e congedo parentale retribuito. Fondamentalmente, è importante ripensare il patto intergenerazionale come parte di un più ampio dibattito sociale. Il successo della Svizzera fino ad oggi si basa su un autentico patto intergenerazionale. È da lì che dobbiamo cominciare.

41 candidate e candidati in 12 cantoni, attivi in 6 partiti condividono il nostro approccio alla politica e l'idea alla base della nostra campagna: un alleanza trasversales per il cambiamento!

Christina Bachmann-Roth
Liste 4a, CVP

Yannick Berner
Liste 3a, FDP

Maya Bally
Liste 7a, BDP

Yvonne Feri
Liste 2a, SP

Beat Flach
Liste 6a, GLP

Laura Curau
Liste 21, CVP

Claudine Esseiva
Liste 9, FDP

Ursula Zybach
Liste 3, SP

Astrid Bärtschi
Liste 7, BDP

Kathrin Bertschy
Liste 15, GLP

Florence Brenzikofer
Liste 7, GP

Balz Stückelberger
Liste 1, FDP

Eric Nussbaumer
Liste 2, SP

Christian Egeler
Liste 1, FDP

Sibel Arslan
Liste 8, GP/BastA!

Gerhard Andrey
Liste 7, GP

Bernhard Altermatt
Liste 1, CVP

Sophie Buchs
Liste 7, CVP

Romain de Sainte Marie
Liste 2, SP

Susanne Amsler
Liste 23, GLP

Vera Stiffler
Liste 2, FDP

Ursin Widmer
Liste 1, BDP

Roland Fischer
Liste 4, GLP

Anne-Sophie Morand
Liste 6, FDP

Karin Stadelmann
Liste 5, CVP

Arber Bullakaj
Liste 3a, SP

Susanne Vincenz-Stauffacher
Liste 4a, FDP

Oliver Schmid-Schönbein
Liste 5a, GLP

Karin Schwiter
Liste 5, SP

Dominik Blunschy
Liste 1, CVP

Florence Bettschart-Narbel
Liste 17, FDP

Axel Marion
Liste 18, CVP

Nicola Forster
Liste 4, GLP

Ursula Keller
Liste 3, FDP

Davide Loss
Liste 2, SP

Ursula Troisio
Liste 7, BDP

Philipp Kutter
Liste 5, CVP

Marionna Schlatter
Liste 6, GP

Sostieni il cambiemento e scrivi la tua testimonianza personale. I contributi saranno pubblicati su cambiamento.ch. Poi aggiornare o disattivare la tua testimonianza in qualsiasi momento. Il tuo voto fa la differenza!

È ora di cambiare aria e di portare le forze progressiste a Berna. Ti presenti alle elezioni federali? Partecipa alla campagna per il cambiamento e spiega perché ne condividi le visioni e gli obettivi. Scrivi e condividi la tua testimonianza.